Contratto del comparto. Carriere organizzative e professionali peggiorative dell’esistente

Pubblicato su Quotidiano sanità

La misteriosa bozza che circola sul contratto collettivo nazionale di lavoro del comparto non ha curiosamente avuto smentite e conferme di paternità. Nel complicato dibattito sul contratto non possiamo altro che prenderla per ufficiale per potere riflettere su alcuni punti fondamentali. Colpisce sfavorevolmente tutta la parte dedicata all’orario di lavoro che si palesa ampiamente illegittima, pur nel sistema delle deroghe previste dalla legge comunitaria, come bene illustrato in queste pagine da Carlo Palermo. Vi è da domandarsi cosa stia spingendo le organizzazioni sindacali – o parti di esse – a derogare così pesantemente a diritti riconosciuti a tutti i lavoratori europei.
Concentreremo però la nostra attenzione sul sistema delle carriere. Le carriere gestionali vengono ridisegnate, mentre per la prima volta, si tenta di istituire, meritoriamente, le carriere clinico-professionali. Tutto il sistema abbandona definitivamente la classica impostazione di carriera da pubblico impiego caratterizzata dalla carriera verticale da perseguirsi con concorsi pubblici per titoli ed esami – va in soffitta anche la largamente fallimentare categoria Ds – a favore del sistema privatistico degli incarichi di funzione attribuibili con selezione interna, sottoposti a valutazione e revocabili. Continua